Terroir

terroir

Il Terroir > Terreni, Clima e Vitigni

Spazio geografico in cui una comunità umana ha costruito, attraverso un lungo percorso storico, un sistema collettivo di produzione fondato sull’interazione tra ambiente fisico e biologico ed un insieme di fattori umani che nell’insieme hanno dato origine ad una tipicità e ad una reputazione per un prodotto originario di tale terroir ( Institut National des Appellations d’ Origine INAO ). Questa la definizione, complessa ma doverosa, di un termine che, a dispetto di come molti credono, non si può tradurre semplicemente col termine “territorio”. Dei tre aspetti che compongono questo concetto cardine, esamineremo qui gli aspetti più essenziali affinché sia chiaro al lettore che nessun vino pregiato può nascere senza un preciso terroir.

I Terreni

I nostri vigneti sono impiantati esclusivamente su appezzamenti limitrofi alla cantina e presentano le tessiture più disparate: si va dai terreni franco-argillosi ed argillosi, coltivati prettamente a Barbera e Croatina; fino a suoli franco-sabbiosi e sabbiosi ricchi in fossili risalenti al Piacenziano (da 3600 Ma a 2588 Ma) su cui sono impiantati i vitigni autoctoni a bacca bianca.

Il Clima

La climatologia del territorio piacentino rientra nella categoria dei climi “temperati sub-continentali”. Tale catalogazione include al suo interno solo territori le cui temperature medie annue sono comprese tra i 10°C e i 14,5°C con tempratura del mese più freddo compresa tra -1°C e 4°C, da 1 a tre mesi con temperatura media di 20°C ed infine un’escursione termica annua che sia superiore a 19°C.

I Vitigni

Ortrugo, Marsanne, Malvasia aromatica di Candia, Barbera, Croatina, Pinot nero. La profonda conoscenza dei vitigni autoctoni, da sempre grande patrimonio dei Colli Piacentini, é l’unica chiave per vinificare al meglio le uve che ne derivano.

Ortrugo

ISCRIZIONE AL CATALOGO NAZIONALE DELLE VARIETÁ DI VITI: DM 25.5.1970
Sinonimi: Barbesino bianco, Trebbiano di Tortona, Altrugo de Rovescala, Barbsin bianco, Barbasina, Vernasino bianco, Vernasina.
Foglia: Grande, un po’ reniforme, trilobata ma talvolta anche pentalobata. Di colore verde bottiglia opaco.
Grappolo: Grande, di lunghezza intorno ai 20 cm, cilindro-conico, a volte con un ala, molto compatto.
Fenologia: Germogliamento dal 15 al 25 aprile; fioritura dal 10 al 20 giugno; maturazione dal 10 al 25 settembre.

Marsanne

ISCRIZIONE AL CATALOGO NAZIONALE DELLE VARIETÁ DI VITI: DM 11.3.1991
Sinonimi: Marsanne blanche, Grosse Roussette, Avilleron.
Foglia: Grande, pentagonale, pentalobata, con il lobo terminale piuttosto pronunciato, glabra, di colore verde scuro opaca.
Grappolo: Medio-grande, piramidale, piuttosto tozzo, molto ramificato, con un ala evidente.
Fenologia: Germogliamento dal 15 al 25 aprile; fioritura dal 10 al 20 giugno; maturazione dal 10 al 25 settembre.

Malvasia di Candia aromatica

ISCRIZIONE AL CATALOGO NAZIONALE DELLE VARIETÁ DI VITI: DM 25.5.1970
Sinonimi: Malvasia di Candida, Malvasia a sapore moscato, Malvagia, Malvasia bianca aromatica, Malvasia, Malvasia di Alessandria.
Foglia: Media, pentagonale, con lobo terminale ben delineato, glabra, di colore verde, un po’ lucida.
Grappolo: Più che medio, allungato, piramidale, alato, talora quasi composto, spargolo.
Fenologia: Germogliamento dal 14 al 24 aprile; fioritura dal 10 al 20 giugno; maturazione dal 14 al 24 settembre.

Barbera

ISCRIZIONE AL CATALOGO NAZIONALE DELLE VARIETÁ DI VITI: DM 25.5.1970
Sinonimi: Barbera grossa, Barbera fina, Barbera nera, Barbera forte, Barbera dolce, Barberone, Barbera raspo verde, Barbera raspo rosso.
Foglia: Media, pentagonale, pentalobata, con lembo piano o leggermente a coppa. La morfologia fogliare é piuttosto variabile. Glabra, di colore verde cupo, con nervature verdi sfumate in rosso presso la base.
Grappolo: Medio, piramidale, alato (un’ala), più o meno compatto a seconda dell’ambiente di coltura.
Fenologia: Germogliamento dall’8 al 18 aprile; fioritura dal 2 all’8 giugno; maturazione dall’1 al 10 di ottobre.

Croatina

ISCRIZIONE AL CATALOGO NAZIONALE DELLE VARIETÁ DI VITI: DM 25.5.1970
Sinonimi: Crovattina, Croattina, Croata, Crovattino, Croatino, Crovalino, Crovettina, Uga del zio, Bonarda, Bonarda di Rovescala, Neretto.
Foglia: Piccola, pentagonale, pentalobata o trilobata. Di colore verde molto scuro, opaco, glabra.
Grappolo:Generalmente grande, lungo, conico o piramidale, alato, mediamente compatto.
Fenologia: Germogliamento dal 20 al 30 aprile; fioritura dal 10 al 20 giugno; maturazione dall’1 al 10 di ottobre.

Pinot nero

ISCRIZIONE AL CATALOGO NAZIONALE DELLE VARIETÁ DI VITI: DM 25.5.1970
Sinonimi: Blauburgunder, Borgogna nera, Borgogna rosso, Spätburgunder, Chambetin.
Foglia: Media, cordiforme, trilobata, di colore verde scuro, opaca, glabra.
Grappolo: Piccolo, corto, cilindrico, spesso con un ala, compatto.
Fenologia: Germogliamento dal 4 al 15 aprile; fioritura dal 2 all’8 giugno; maturazione dal 5 al 15 di settembre.