Gutturnio Frizzante


cover gutturnio frizz

Gutturnio Frizzante

 

Tipologia: Frizzante Secco Gutturnio DOC
Uve: Barbera 60% e Croatina 40%
Gradazione: 13% Vol

 

 

Descrizione


Descrizione: Rosso rubino intenso con riflessi violacei; profumo vinoso con note di frutti rossi ove spiccano lampone e marasca; al palato si presenta fruttato e fresco con tannini eleganti e ben equilibrati. La frizzantezza è persistente e piacevole.

 

Quale occasione:nsieme all’Ortrugo frizzante é il vino cardine della tradizione piacentina. Ideale per occasioni informali; é il classico vino da compagnia.
 
Abbinamenti: Si adatta bene a tutto il pasto ma esalta in modo particolare gli antipasti a base di salumi, i fritti di carne ed i piatti tipici della cucina piacentina.

 

Scheda Tecnica


Tipo: Frizzante Secco Gutturnio DOC
Gradazione: 13% Vol

 
Uve: Barbera 60% e Croatina 40%;
 
Vigneto: Allevamento guyot modificato piacentino; potatura media; Densità d’impianto 3500 ceppi/Ha; Produzione 90 q.li/Ha; Terreno franco-argilloso.

 

Vinificazione: Le uve vengono raccolte a mano e tempestivamente portate in cantina onde evitare la permanenza al sole. In azienda avviene la diraspapigiatura ed il mosto ottenuto subisce una fermentazione di circa 7 giorni, pari al tempo della macerazione. La minor durata del contatto tra bucce e mosto consente di estrapolare aromi di maggiore freschezza e di preservare l’acidità. La svinatura avviene quando il residuo zuccherino è idoneo a permettere la successiva rifermentazione in autoclave che dona la caratteristica frizzantezza a questo vino.

 

Descrizione
Colore: La spuma é densa e corposa; il colore é rosso rubino intenso con riflessi violacei;
Profumo: vinoso, caratteristico, con note di frutti rossi ove spiccano lampone e marasca.
Sapore: al palato si presenta fruttato e fresco con tannini leggermente acerbi ma ben equilibrati. La frizzantezza è persistente e piacevole.
 
Abbinamenti: Si abbina ottimamente ai taglieri di salumi piacentini D.O.P. (salame, coppa e pancetta) ma anche a formaggi grassi ed al tipico “pistä d grass” (lardo battuto al coltello con aglio e prezzemolo). Fra i primi piatti predilige la cucina piacentina, come i classici “pisarei e fasö”.

 
Come servire: si consigliano calici a tulipano o, per una cena informale, le scodelle bianche da osteria. La temperatura di servizio ideale è di 14°-16°C.

 


Etichetta Premi Download