Ortrugo Frizzante


cover ortrugo frizz

Ortrugo Frizzante

 

Tipologia: Frizzante Secco Ortrugo DOC
Uve: Ortrugo 100%
Gradazione: 12% Vol

 

 

Descrizione


Descrizione: Una spuma fine e persistente fa da cornice ad un colore giallo paglierino chiaro; al naso spiccano note floreali così come al palato.

 

Quale occasione: Insieme al Gutturnio frizzante é il vino cardine della tradizione piacentina. Ideale per occasioni informali; é il classico vino da compagnia.
 
Abbinamenti: Può essere il protagonista di un aperitivo “tout court” o l’ingrediente di cocktail briosi. Accompagna bene tutti i menù dai sapori classici e delicati grazie alla sua versatilità e moderata aromaticità.

 

Scheda Tecnica


Tipo: Frizzante Secco Ortrugo DOC
Gradazione: 12% Vol

 
Uve: Ortrugo 100%
 
Vigneto: Allevamento guyot modificato piacentino; potatura medio-lunga; Densità d’impianto 3500 ceppi/Ha; Produzione 100 q.li/Ha; Terreno sabbioso-calcareo ricco di fossili risalenti al piacenziano.

 
Vinificazione: La raccolta viene programmata attentamente ponendo particolare attenzione ai parametri di acidità noti per la loro importanza al fine di caratterizzare la freschezza del vino bianco. L’uva giunta in cantina viene preventivamente diraspapigiata e poi pressata in modo soffice per evitare la liberazione di mosto dagli acini meno maturi. La fermentazione viene mantenuta a temperature controllate che non superano mai i 16°-18°C così da mantenere intatti i precursori aromatici. Il suo arresto viene effettuato al momento opportuno per garantire il successivo svolgersi della rifermentazione in autoclave.

 

Descrizione
Colore: Giallo paglierino chiaro tendente al verdolino. Spuma fine e persistente;
Profumo: caratteristico, fresco, delicato con spiccate note floreali che richiamano il gelsomino e il tiglio;
Sapore: secco, beverino con un leggero retrogusto amarognolo caratteristico del vitigno;
 
Abbinamenti: Particolarmente indicato per gli aperitivi ma si può adattare a tutto pasto. Predilige piatti della tradizione piacentina quali “tortei cun la cua” (tortelli d’erbetta), anolini in brodo e secondi a base di carni bianche e uova.
 
Come servire: si consigliano calici a tulipano leggermente chiusi alla sommità. La temperatura di servizio ideale è di 10°-12°C
 

 


Etichetta Premi Download